Il suicidio è un problema di tutti, noi pensiamo a chi rimane.

alcuni sopravvissuti si raccontano

Esci allo scoperto

13/04/2020

Lettera dalla quarantena: sopravvivere ai tempi del COVID-19

Carissimi di SOPROXI . Mi ha fatto molto piacere ricevere la vostra mail di auguri per la Pasqua. Non ci siano mai […]
Pubblicato in: Esci allo scoperto
21/01/2019

Sono Sara e ho urgenza di condividere….

Ciao Silvia, Ho bisogno, urgenza, di condividere con voi ciò che mi è successo venerdì sera. Ci ho riflettuto tutto il weekend e […]
Pubblicato in: Esci allo scoperto
19/06/2018

Sono Jessica e il mio Riccardo si è suicidato il 29 settembre di due anni fa.

Questo è il punto della mia storia e del come ne sto abbozzando altri: uno è più vicino, l’altro è confusamente sbiadito, […]
Pubblicato in: Esci allo scoperto
13/06/2018

Quattro anni fa la mia amica ha detto addio

Quattro anni fa la mia amica Grazia ha preso la bici e la corda e ha detto addio. Quattro anni sono poca […]
Pubblicato in: Esci allo scoperto

Anna, Marina e Valentina, scrivono...

26/07/2018

A te che non ci sei più

      CAGIONEVOLE ESISTENZA   A te che non ci sei più   È che ti senti un nodo in gola, […]
31/05/2018

I segreti dell’orribil Sabbione

Sabbione è uno strano paese. Tutto ciò che della modernità consideriamo brutto, triste e perverso a Sabbione è norma, ordine, giustizia e […]
24/01/2017

L’urgenza del suicidio in Sylvia Plath

“Morire È un’arte, come ogni altra cosa. Io lo faccio in modo eccezionale. Io lo faccio che sembra come inferno. Io lo […]
Pubblicato in: Letteratura
10/09/2015

Sostiene Pereira

Il romanzo di Antonio Tabucchi usciva nel 1994: l’autore aveva percepito una recrudescenza di xenofobia, nazionalismi, razzismo, revisionismi in Europa, e il […]
Pubblicato in: Letteratura

  • Come già la precedente esperienza, quella di Panta Rhei 7 è stata molto intensa, e soprattutto diversa, anche se alcune delle pratiche fatte le conoscevo già. Mi sono accostato a questa esperienza con la curiosità di vedere “l’effetto che faceva ” farlo una seconda volta. Se possibile, è stato ancora meglio della prima volta, perché ho conosciuto delle persone che mi hanno arricchito molto con il loro vissuto, le loro osservazioni, i loro pensieri. Mentre nella mia volta era un po’ circospetto e sulla difensiva, stavolta mi sono immediatamente sentito a mio agio e ” a casa mia”. Questo Panta Rhei è stato come un atto di gentilezza nei miei confronti da parte di me stesso e delle persone che vi hanno partecipato, un momento di serenità in un periodo davvero molto buio e tormentato per me.
    Alessandro
  • Panta Rhei 8 è stato molto interessante, un momento di stacco anche dalla vita frenetica di tutti i giorni consentendomi di potermi concentrare su quello che stavo attraversando senza dover ogni volta rimandare perché non c’è tempo, non c’è spazio ecc. Un momento per riscoprirmi e riscoprire le mie emozioni e portarle alla luce. Sentire le condivisioni degli altri e partecipanti e condividere a mia volta è stato liberatorio. Questa esperienza mi ha fatto anche incontrare delle belle persone e con alcune di esse anche di stringere un inizio di amicizia. Alcune delle tecniche di meditazione le ho messe in pratica anche nei giorni successivi.
    Sarah S
  • Pánta Rhêi 9 mi ha reso ancora più consapevole della ”realtà” che sto vivendo nel mio quotidiano, la vita va vissuta lo stesso imparando ad accettare quello che ti dà, i cambiamenti non dipendono da noi ma dipende nello accettare con consapevolezza dei propri limiti.
    Daniela
  • E’ stata una nuova esperienza che giudico abbastanza positiva soprattutto per aver avuto la possibilità di confrontare/condividere l’evento sfortunato. Sembrerà strano, ma ciò che più mi è rimasto impresso è quello di avermi ricordato che il dolore e la sofferenza è un qualcosa che non avrei potuto non affrontare e che, pertanto, è necessario prepararsi ad affrontarla nei migliore dei modi.
    Lino
  • Per me (Pánta Rhêi) è stata un esperienza positiva. Ho apprezzato moltissimo la possibilità di parlare con altre persone che hanno avuto esperienze simili alla mia. Direi che le pratiche a volte sono state un po’ difficili, semplicemente perché non avevo nessuna esperienza con la meditazione, pero mi sono comunque sentita a mio agio.
    Marianna
  • L’esperienza a Pánta Rhêi è stata Intensa. Molti degli esercizi di meditazione sono serviti. E’ stato molto utile condividere questi momenti con altre persone che avevano un vissuto molto simile. Alcune delle conversazioni/mediazioni guidate sono state molto utile per incominciare un percorso di riflessione. Ho trovato che ci fosse un giusto bilancio tra le varie componenti del weekend.
    Caterina
SOSTIENICI