Le arti del sopravvivere

Home » Le arti del sopravvivere
  • Vibrare insieme le corde del cuore: l’inno alla vita di Margherita Vicario

    Spunti dall’incontro con l’eclettica cantautrice e regista avvenuto a Padova in occasione della presentazione della sua opera prima sul grande schermo, Gloria!. La ricordo perfettamente. È una sensazione unica e magica. Avevo due anni.  Toccare un tasto del pianoforte e sentire quello che accade è un’esperienza indescrivibile. Ma è quando inizi a provare a mettere più...
    Pubblicato su:
  • La Casa dei Perché

    La Casa dei Perché Ho disegnato un perché a forma di casa e ci sono entrata dentro. Ho trovato tante stanze e le ho abitate una a una. Con coraggio e umiltà ho cercato le risposte al perché della tristezza al perché della paura al perché del mio dolore al perché dell’abbandono. Era tutto un...
    Pubblicato su:
  • Sinéad O'Connor: The Long Black Veil

    È il 1995. Sono passati quindici anni da quando Sinéad ha cominciato a suonare la chitarra e comporre canzoni. Undici anni dal suo primo successo discografico. Sono passati dieci anni da quando Sinéad si è trasferita da Dublino a Londra. Cinque anni dal brano, scritto da Prince, che fa innamorare tutto il mondo della sua...
    Pubblicato su:
  • Il cimitero dei fiori di plastica colorata

    “La valle dei fiori”  è un cimitero dove i fiori sono di plastica colorata, perché si trova a Tasiilaq, nella Groenlandia orientale, tra montagne imponenti e venti gelidi, dove non possono crescere piante e la vita non è certo semplice. Questo libro è un pugno nello stomaco, è diverso da tutti i libri che io...
    Pubblicato su:
  • Pareri letterari non richiesti: La vita di chi resta

    La vita di chi resta di Matteo B. Bianchi è un libro che scende nel territorio della sofferenza più indicibile e ingestibile che possa capitare a essere umano ovvero la perdita di una persona cara per suicidio.  Sappiamo che tecnicamente c’è un nome specifico che la scienza ha dato a chi vive quest’ordalia di emozioni...
    Pubblicato su:
  • Edit Domján e Pál Szécsi - una storia ungherese

    Edit Domján era la mia attrice preferita, a lei ho dedicato anche il mio blog che dimentico di aggiornare da tempo. Chi è della mia generazione sa che cosa significavano per noi attori, attrici, cantanti. Compravamo le loro foto dal tabaccaio, tappezzavamo le nostre camerette o i nostri angoli con i ritagli di giornali che...
    Pubblicato su:
  • Dall'Orso non si scappa

    Quando ho incominciato a vedere The Bear (L’Orso) non avevo la minima idea di che cosa trattasse, ero solo attratta dalla locandina (vintage e giallastra), dal volto particolare del protagonista e ispirata da qualche scarna recensione sui social.  Alcune cose compiono dei percorsi bizzarri per raggiungerti. La serie è ambientata all’interno di una cucina di una...
    Pubblicato su:
  • Drive my Car: non passare oltre, ma passare attraverso

    Da spettatore mi sono avvicinato con reverente timore a Drive my car, di Ryûsuke Hamaguki, Palma d’Oro per la migliore sceneggiatura a Cannes e vincitore del Golden Globe come miglior film straniero superando È stata la mano di Dio. Un film di tre ore, giapponese, con al centro il tema del lutto: può spaventare, accidenti!...
    Pubblicato su:
  • Strappare lungo i bordi

    Attenzione: quello che segue è un gigantesco ***SPOILER*** di Strappare lungo i bordi, la serie animata di Zerocalcare in programmazione su Netflix. *** *** *** Il personaggio Zero (che non coincide in pieno con l’autore Michele Rech, sebbene vi si ispiri abbondantemente) fa un discorso sul suicidio che a mio parere non fa una piega. Le...
    Pubblicato su:
  • Ma nuit: la libertà non ha paura

    Le persone che, da poco tempo, hanno perso qualcuno hanno un particolare aspetto, riconoscibile soltanto da coloro che hanno visto quella stessa espressione nel loro volto. (Joan Didion, L’anno del pensiero magico)  
    Pubblicato su:
  • Yoga: placare le vritti

    Yoga è un libro particolare e diverso dagli altri anche per uno scrittore particolare e diverso dagli altri come Emmanuel Carrère. La vicenda, autobiografica, nasce dall’idea/proposta che Carrère riceve di scrivere un piccolo libro in cui parlare dello yoga. Da anni, infatti, Carrère pratica yoga, meditazione e tai chi, discipline che combina nel tentativo di...
    Pubblicato su:
  • Una donna promettente

    Volendo definire in due parole il film dell’esordiente Emerald Fennell Una donna promettente, nei cinema italiani dal 24 giugno 2021, vincitore di un Oscar per la miglior sceneggiatura originale e interpretato dalla strepitosa, perfetta Carey Mulligan nei panni di Cassie (ovvero Cassandra: sarà mica un caso?), si può ben dire che è una commedia nera....
    Pubblicato su:
  • After Life (Ricky Gervais, 2019)

    Chi mai andrebbe a vedersi una serie di Netflix incentrata su un vedovo che detesta il mondo che lo circonda? Possiamo dire che After Life è una scommessa sul tema del lutto, che oltrepassa la categoria recentemente coniata del dramedy per inoltrarsi nell’abisso di un cuore infranto. Tony Johnson è inglese, fa il giornalista –...
    Pubblicato su:
  • Congedarsi dalla vita in poesia

    Con questa piccola ma esauriente guida alla poesia “di addio” in Oriente e Occidente, Antonio Sacco ci offre un prezioso punto di partenza per approfondire la conoscenza dei «death poems», componimenti di concisa, malinconica dolcezza intesi a salutare la vita terrena prima di tornare al Tutto di cui siamo parte. L’ELEGIA LATINA Abbiamo già avuto...
    Pubblicato su:
  • Rock'n'Roll Suicide (Non sei solo)

    La vida es un cigarrillo:                                                   La vita è una sigaretta: humo, ceniza y candela…                                   ...
    Pubblicato su:
  • Anatomia di un profeta

    Uno dei libri importanti che hanno avuto la (s)ventura di uscire in piena pandemia, con relativo ‘lockdown’ (marzo 2020), è Anatomia di un profeta, il cui autore è una vecchia conoscenza di Soproxi: Demetrio Paolin (lo stesso di Non fate troppi pettegolezzi, a proposito del quale trovate nel blog un’intervista-chiacchierata di qualche anno fa con...
    Pubblicato su:
  • La proposta indecente di Régis Debray

    Il 22 marzo scorso, nel pieno della pandemia da covid-19, ci hanno profondamente colpito le parole del nostro presidente della Repubblica sull’Italia decimata nella sua generazione anziana “punto di riferimento per i giovani e per gli affetti”. E ha colpito il suo tono solenne, le sue sono state parole forti e fuori dal coro dei...
    Pubblicato su:
  • Le suicidé di Edouard Manet

    A differenza di altri esempi di raffigurazioni pittoriche sul tema, come ad esempio La Mort de Socrate di Jacques-Louis David (1787) che raffigura Socrate nell’atto di uccidersi con la cicuta piuttosto che andare in esilio, in cui la morte per suicidio è collocata all’interno di una narrativa associata a sacrificio, idealismo o eroismo, Manet non...
    Pubblicato su:
  • La via del bosco. Una storia di lutto, funghi e rinascita

    Per i più, raccogliere funghi è un rilassante passatempo domenicale. Per Litt Woon Long è una cura, una strada per tornare alla vita, il ritrovare un mondo di interessi e di relazioni che erano stati stravolti dalla morte del compagno. Con la perdita del marito, l’esistenza di Litt Woon si svuota di ogni significato; l’autrice...
    Pubblicato su:
  • In memoria di Marc Rothko a cinquant'anni dalla morte

    Ospitiamo con piacere nel blog questo pezzo dello scrittore Sergio Garufi, comparso in minima&moralia il 25 febbraio 2020. Grazie, Sergio!   A metà degli anni Cinquanta la sua situazione economica si stabilizza. Lascia Betty Parsons e firma un accordo più vantaggioso con Sidney Janis, la gallerista che rappresenta Jackson Pollock e Franz Kline. Nel ’58 è...
    Pubblicato su:

Sostieni Soproxi Onlus

© 2024 Soproxi. All Rights Reserved. P.I. e C.F. 92254200287 | privacy – cookies