Cinema

  • Edit Domján e Pál Szécsi - una storia ungherese

    Edit Domján era la mia attrice preferita, a lei ho dedicato anche il mio blog che dimentico di aggiornare da tempo. Chi è della mia generazione sa che cosa significavano per noi attori, attrici, cantanti. Compravamo le loro foto dal tabaccaio, tappezzavamo le nostre camerette o i nostri angoli con i ritagli di giornali che...
    Pubblicato su:
  • Dall'Orso non si scappa

    Quando ho incominciato a vedere The Bear (L’Orso) non avevo la minima idea di che cosa trattasse, ero solo attratta dalla locandina (vintage e giallastra), dal volto particolare del protagonista e ispirata da qualche scarna recensione sui social.  Alcune cose compiono dei percorsi bizzarri per raggiungerti. La serie è ambientata all’interno di una cucina di una...
    Pubblicato su:
  • Drive my Car: non passare oltre, ma passare attraverso

    Da spettatore mi sono avvicinato con reverente timore a Drive my car, di Ryûsuke Hamaguki, Palma d’Oro per la migliore sceneggiatura a Cannes e vincitore del Golden Globe come miglior film straniero superando È stata la mano di Dio. Un film di tre ore, giapponese, con al centro il tema del lutto: può spaventare, accidenti!...
    Pubblicato su:
  • Strappare lungo i bordi

    Attenzione: quello che segue è un gigantesco ***SPOILER*** di Strappare lungo i bordi, la serie animata di Zerocalcare in programmazione su Netflix. *** *** *** Il personaggio Zero (che non coincide in pieno con l’autore Michele Rech, sebbene vi si ispiri abbondantemente) fa un discorso sul suicidio che a mio parere non fa una piega. Le...
    Pubblicato su:
  • Ma nuit: la libertà non ha paura

    Le persone che, da poco tempo, hanno perso qualcuno hanno un particolare aspetto, riconoscibile soltanto da coloro che hanno visto quella stessa espressione nel loro volto. (Joan Didion, L’anno del pensiero magico)  
    Pubblicato su:
  • Una donna promettente

    Volendo definire in due parole il film dell’esordiente Emerald Fennell Una donna promettente, nei cinema italiani dal 24 giugno 2021, vincitore di un Oscar per la miglior sceneggiatura originale e interpretato dalla strepitosa, perfetta Carey Mulligan nei panni di Cassie (ovvero Cassandra: sarà mica un caso?), si può ben dire che è una commedia nera....
    Pubblicato su:
  • After Life (Ricky Gervais, 2019)

    Chi mai andrebbe a vedersi una serie di Netflix incentrata su un vedovo che detesta il mondo che lo circonda? Possiamo dire che After Life è una scommessa sul tema del lutto, che oltrepassa la categoria recentemente coniata del dramedy per inoltrarsi nell’abisso di un cuore infranto. Tony Johnson è inglese, fa il giornalista –...
    Pubblicato su:
  • Il viaggio di Miguel

    Miguel Rivera è un bambino come tanti altri, vive con la sua numerosa famiglia in Messico e sogna di diventare un grande musicista come il leggendario Ernesto de la Cruz. Purtroppo però la sua passione per la musica è da sempre ostacolata dalla sua famiglia: molto tempo prima la trisnonna era stata abbandonata da suo...
    Pubblicato su:
  • Tredici (13 Reasons Why)

      La prima cosa che veniamo a sapere guardando Tredici, la serie tratta dal romanzo di Jay Asher del 2008 per ora accessibile soltanto – purtroppo – agli abbonati a Netflix, è che Hannah non c’è più e non tornerà. Si è suicidata a diciassette anni. Dal primo istante abbiamo la vittima e abbiamo il...
    Pubblicato su:
  • Verità o bugia. Comunicare il suicidio ai bambini è possibile

    “Ieri notte vostra madre si è uccisa”. Queste le parole che Viggo Mortensen alias Ben, protagonista di Captain Fantastic (scritto e diretto da Matt Ross), rivolge ai suoi figli appena ricevuta la notizia. Da anni, inseguendo l’utopia neo-hippie di Ben e della moglie Leslie, la famiglia viveva arroccata nei boschi dello Stato di Washington, irraggiungibile...
    Pubblicato su:
  • Borrowed Time - Tempo in prestito

    Un malinconico arpeggio di chitarra western, un canyon scuro e desolato sotto un cielo carico di piombo. È notte? È giorno? Non sappiamo. C’è un uomo a capo chino, fermo a una certa distanza dall’orlo del precipizio. L’inquadratura si stringe su di lui e vediamo una stella di sceriffo appuntata al petto, il mento ispido...
    Pubblicato su:
  • Angel-A: una favola parigina sulla salvezza

    Cosa succede se un uomo che si definisce “stronzo, brutto e inutile” vuole buttarsi da un ponte sulla Senna, ma accanto a lui una donna meravigliosa ha la stessa idea nello stesso momento? Ce lo racconta il francese Luc Besson, nel film Angel-A del 2005. Andrè (Jamel Debbouze) è antipatico, piccoletto, bugiardo e arrogante, e...
    Pubblicato su:
  • Il papà migliore del mondo

    Il papà migliore del mondo (World’s Greatest Dad) non è un titolo granché promettente, farebbe pensare a una commedia zuccherosa; invece questo film è tutt’altro. Una black comedy acida interpretata nel 2009 da un Robin Williams commovente. Lance Clayton è un insegnante, un single, un uomo gentile; tiene un corso di poesia (che gode di...
    Pubblicato su:
  • Deserto Rosso - Da un’altra angolatura

    Le analisi sul primo film a colori di Michelangelo Antonioni, Leone d’Oro a Venezia sono oramai letteratura. Rivedendo il classico salta agli occhi una prospettiva cara a noi di SOPRoxi che probabilmente vale la pena rispolverare. Vedere un film del 1964 impone di rallentare la propria percezione visiva. Scene che durano più di un minuto,...
    Pubblicato su:
  • Un insolito binomio di amore e morte – Harold e Maude

    [blockquote author=”Maude” link=” target=”_blank”]A un sacco di gente piace essere morta, però non è morta veramente… è solo che… si tira indietro dalla vita, e invece bisogna, bisogna cercare, correre i rischi… soffrire anche magari… ma, giocare la partita con decisione![/blockquote] Credo che pochissimi film abbiano trattato la morte come una favola in nero, con...
    Pubblicato su:
  • L’arte possibile della felicità

    L’arte della felicità è un film d’animazione – caso raro nel panorama cinematografico italiano – di Alessandro Rak, del 2013. Ancora più raro perché è un “cartone animato” che riflette quasi esclusivamente sull’elaborazione del lutto. Sergio fa il tassista in una Napoli che non ha nulla a che vedere con le cartoline di mare-sole-Vesuvio: non...
    Pubblicato su:
  • Banana: la vita giocata “alla brasiliana”

    Il protagonista di Banana, film italiano del 2015, si chiama Giovanni, ha 14 anni, è cicciottello, imbranato, abita nella periferia romana, ed è innamorato di Jessica, compagna di classe bella e dannata, destinata alla bocciatura. Il regista Andrea Jublin lo mostra nel suo quotidiano: casa, scuola, campetto. Solo che questo mondo è così reietto, anzi...
    Pubblicato su:
  • Monsieur Lazhar

    Cosa succede se una maestra amata si impicca nell’aula in cui insegnava? Quante e quali ferite lascia nei suoi scolari, nei suoi colleghi? Ce lo racconta il canadese Philippe Falardeau, con semplicità e profondità, in questo suo film del 2012 tratto da una pièce teatrale di Évelyne de la Chenelière. Per la direttrice è difficile...
    Pubblicato su:
  • Umberto D. e la vecchiaia salvata per sbaglio

    Umberto D. è un film di cui tanto si è scritto e parlato dall’epoca della sua prima uscita nelle sale (1952), fino ad oggi. Già, perché in un’Italia sempre più vecchia all’anagrafe, il dramma della solitudine e della povertà dei nonni è, al contrario, più attuale che mai. È un film che aveva infastidito tutti,...
    Pubblicato su:
  • Birdman: cadere o volare?

      Presentiamo per il nostro SOPRoxi Blog un articolo un po’ fuori dai canoni: un dialogo a distanza tra me (Valentina) e Paolo su Birdman (o L’imprevedibile virtù dell’ignoranza), film di Alejandro Iñarritu del 2014, vincitore del premio Oscar come miglior film. Girato in un unico piano-sequenza – tranne nel finale che ha lasciato aperte...
    Pubblicato su:

Sostieni Soproxi Onlus

© 2024 Soproxi. All Rights Reserved. P.I. e C.F. 92254200287 | privacy – cookies