Musica

  • Sinéad O'Connor: The Long Black Veil

    È il 1995. Sono passati quindici anni da quando Sinéad ha cominciato a suonare la chitarra e comporre canzoni. Undici anni dal suo primo successo discografico. Sono passati dieci anni da quando Sinéad si è trasferita da Dublino a Londra. Cinque anni dal brano, scritto da Prince, che fa innamorare tutto il mondo della sua...
    Pubblicato su:
  • Rock'n'Roll Suicide (Non sei solo)

    La vida es un cigarrillo:                                                   La vita è una sigaretta: humo, ceniza y candela…                                   ...
    Pubblicato su:
  • Cantare il lutto e cercare la pace

    A Brighton, Sussex, è un giorno qualunque di una stagione qualunque negli ultimi tre anni. Nick Cave è a casa da solo. Si è alzato dal letto a fatica, non si è fatto la barba né pettinato. La ricrescita bianca ha superato il centimetro, ma non ha nessuna voglia di farsi la tinta. Sono giorni...
    Pubblicato su:
  • Nikolaus Harnoncourt, Beethoven e la riconquista sovversiva: appunti da una prova d’orchestra

    Disclaimer paradossale (a scapito di filologi): il significato della musica non è descrittivo, ma esclusivamente intrinseco. Questo racconto deriva da ciò che soleva dire il grande direttore d’orchestra Nikolaus Harnoncourt (1929 – 2016) durante le prove della Quinta Sinfonia in do minore di Ludwig van Beethoven. Curiosamente, Harnoncourt è rinomato come uno degli interpreti più...
    Pubblicato su:
  • La sedia di lillà

    Pubblicato su:
  • Buttarsi in Arno… se l’amassi indarno - Lauretta e Rinuccio

    Abbiamo già parlato una volta di minaccia suicidaria e anche quella volta ci era venuta in aiuto la tradizione medievale (Boccaccio) permeata dalla trasposizione visiva del racconto di Nastagio degli Onesti nel ciclo di quattro dipinti di Botticelli. Questa volta è Gianni Schicchi a offrirci uno spunto di riflessione, insieme a Giacomo Puccini che lo...
    Pubblicato su:
  • Sopravvivere nell’Arte: l’Ottavo quartetto per archi op. 110 di Dmitrij Šostakovič

    Nel 1960, a sette anni dalla morte di Stalin, l’allora capo di stato sovietico Nikita Chruščёv provava a distanziarsi dal suo predecessore e plasmare l’immagine pubblica di un “comunismo dal volto umano”. Se la cruenta soppressione della rivolta ungherese nel ‘56 aveva manifestato la difficoltà nel concretizzare tale posizione sul fronte estero, sul versante interno...
    Pubblicato su:
  • La ballata degli impiccati (Addio a Chris Cornell)

    Pensando a Chris Cornell (20 luglio 1964 – 18 maggio 2017), meravigliosa voce di Soundgarden, Temple of the Dog e Audioslave.
    Pubblicato su:
  • Everybody Hurts: nessuno è solo

    Pubblicato su:
  • Un uomo molto bizzarro | Paul Simon, A Most Peculiar Man

    A metà degli anni Sessanta, Paul Simon ha girato per un paio d’anni i folk club d’Inghilterra, dove era ancora relativamente sconosciuto, e lì ha concepito alcune delle canzoni più amate a firma Simon & Garfunkel. A Most Peculiar Man è particolarmente britannica nel suo understatement. Era un uomo molto bizzarro Così dice la signora...
    Pubblicato su:
  • Elliott Smith - Lettere da nessun luogo

    Non si può non parlare di Elliott Smith in questo blog. Ci pensavo da tempo ma avevo paura, non sapevo da dove cominciare. Poi mi sono ricordata di questo articolo, uscito su Il Mucchio Selvaggio a firma del mio amico Carlo Bordone nel 2004, a meno di un anno dalla morte dell’artista. Dopo averlo letto...
    Pubblicato su:
  • The Smiths - Asleep

    Pubblicato su:
  • Paint it Black | Ricordando L'Wren Scott

    Se cercate “Paint it Black” dei Rolling Stones su Wikipedia, vedrete per esempio che è al numero 174 dell’elenco delle migliori 500 canzoni di sempre della rivista Rolling Stone e che è stata citata in una quantità di film, libri e canzoni altrui. Tra le citazioni più originali c’è questa, tratta da Turnè  (1990) di...
    Pubblicato su:
  • Gracias a la vida (e accidenti, Rose)

    Violeta Parra incide questo celebre inno alla vita nel 1966, poco prima di suicidarsi. Violeta poetessa, musicista, pittirice, scultrice, intellettuale. Violeta comunista, donna di Popolo, che lotta per il suo paese – il Cile – armata di una coscienza civile inestinguibile, genio e creatività largamente ignorati durante la sua vita. Appassionata e tormentata come vuole...
    Pubblicato su:
  • Quattro “anime salve” in Fabrizio De André

    Su Fabrizio De Andrè è già stato scritto di tutto: forse per questo il tentativo di impostare un’analisi “nuova” delle sue canzoni mi mette in soggezione. Non mi azzerderò a presentarlo, ma in questo piccolo “viaggio comparativo” vorrei mettere a confronto quattro canzoni accomunate dai loro protagonisti, tutti suicidi: Michè, Luigi Tenco, Nancy, Andrea. stanotte...
    Pubblicato su:
  • L’inferno di Cobain  

    “Kurt Cobain: Montage of Heck”, regia di Brett Morgen, 2015, 145 minuti Frances aveva due anni quando il suo papà si è suicidato. Le scene tenere e affettuose della famiglia Cobain che fa il bagno nella vasca tutti insieme potrebbero essere quelle di una famiglia qualunque e invece sono scene, nomi, fatti e leggende sulle...
    Pubblicato su:
  • Electro-Shock Blues

    Electro-Shock Blues esce nel 1998 ed è il disco nel quale Mark Oliver Everett, anche noto come Mr. E (la mente unica degli Eels, da una ventina d’anni band di punta dell’alternative rock statunitense) fa letteralmente a pugni con i suoi demoni: tutte le canzoni hanno in qualche modo a che fare con il declino...
    Pubblicato su:

Sostieni Soproxi Onlus

© 2024 Soproxi. All Rights Reserved. P.I. e C.F. 92254200287 | privacy – cookies