La sedia di lillà

Home » Le arti del sopravvivere » Musica » La sedia di lillà

 width=Alberto Fortis ha 24 anni quando viene pubblicato il suo primo album, che contiene almeno tre canzoni memorabili: nello spazio dei ricordi di chiunque avesse l’età della ragione nel 1979, un angolo è certamente occupato da Milano e Vincenzo, A voi romani e La sedia di lillà.

Alberto è rimasto orfano di madre a diciotto anni, e lo zio materno, Ugo De Gasperis, è una figura molto presente nella sua giovinezza. Lo zio è un uomo intelligente, sportivo, creativo, vitale, intraprendente; e un giorno il destino, col suo consueto cinismo, lo priva dell’uso degli arti in seguito a una caduta da una scala in giardino, dov’era salito per raccogliere albicocche da un albero.

Zio Ugo smette di muoversi e di parlare. Qualche volta, in preda allo scoramento, chiede a Dio di portarselo via. Ma per il resto del tempo, l’uomo combatte invece la sua paralisi, tanto da recuperare la voce e anche un poco di forze per alzarsi con le stampelle.

Il giovane Alberto, scrivendo La sedia di lillà, immagina che un uomo spezzato, com’era stato spezzato il fratello di sua madre, esaudisca invece da sé la propria preghiera di morte.

Del vero protagonista della canzone si sa poco: si sa che ha patito per amore e per tradimenti di amici, si sa di un rimuginare tormentoso (un rimuginare che probabilmente appartiene allo stesso Alberto: Penso troppo al mio futuro, penso troppo e vivo male). Si sa poco, ma è tutto quello che occorre per ricordarlo indelebilmente. Ci basta sapere che provare a sorridere gli straccia le labbra, che a diluire il sangue sul suo viso ci pensano le lacrime, che le sue rughe di cemento sembrano impossibili da spianare.

Ma alla fine diventa ombra priva di peso e di pena, intravista nel suo silenzioso dondolio-danza. Alla fine la voce emozionante di Fortis dice benissimo, in un canto senza parole, la malinconia straziata di chi resta e il sollievo definitivo di chi ha deciso di andare.

Stava immobile nel letto con le gambe inesistenti

e una piaga sulla bocca che seccava il suo sorriso

Mi parlava rassegnato con la lingua di chi spera,

di chi sa che è prenotato sulla sedia di lillà

Ogni volta che rideva si stracciavano le labbra

e il sapore che ne usciva era di stagione amara

Le sue rughe di cemento lo solcavano di rosso

prontamente diluito da una goccia molto chiara

“Penso troppo al mio futuro” ripeteva delirando

“Penso troppo al mio futuro, penso troppo e vivo male

Penso che fra più di un anno cambieranno i miei progetti

Penso che fra più di un anno avrò nuove verità

Tu non farmi questo errore, vivi sempre nel momento

Cogli il giorno e tanto amore cogli i fiori di lillà”

“Quanti amici hanno tradito” continuava innervosito

“Quanti amici hanno tradito per la causa dell’amore”

Sono andato a casa sua, sono andato con i fiori

Mi hanno detto che era uscito, che era andato a passeggiare

Ma vedevo un’ombra appesa, la vedevo dondolare

L’ombra non voleva stare sulla sedia di lillà

Condividi su:

13 risposte a “La sedia di lillà”

  1. Avatar Marco
    Marco

    Un’impronta indelebile nella storia della poesia musicata. Un capolavoro che a distanza di decenni ascolto ancora alla soglia dei 60 anni. Chapeau, Alberto!

  2. Avatar Bruno
    Bruno

    grazie per avere scritto questo pezzo. sono convinto che, in questo come in altri casi, molte cose belle le abbiamo già, e da tempo, ma non lo sappiamo, e ci avventiamo sempre sulle novità, che non sempre sono all’altezza, anzi non lo sono quasi mai.

  3. Avatar Kip Burns
    Kip Burns

    Thank you so much for this; the improved translation as well as the background of this tender song. I fell in love with the music of Alberto Fortis while studying in Italy (mostly Urbino), and this song makes me cry to this day. I’m always struck that it’s performed in concert with apparent joy. Now I understand the relief he sees for those who escape, and I understand the wordless portions of the song.

  4. Avatar Luca Bardelli
    Luca Bardelli

    Quando mi sento giù, questa canzone è come un’aspirina per l’influenza….
    Non va spiegata… L’aspirina su ognuno di noi fa un effetto diverso ma sempre ci aiuta….
    Luca bardelli

  5. Avatar Giulio Pini
    Giulio Pini

    Ieri per puro caso ho riascoltato questa canzone dal mio vecchio LP (ne ho quattro di Alberto Fortis). Da allora non riesco più a togliermela dalla testa e qualcosa dentro mi spinge ad andare a riascoltarla e riascoltarla; e quel lungo assolo musicale in coda è di uno struggente da paura!

  6. Avatar Giulio Pini
    Giulio Pini

    Dimenticavo. Perché la sedia è di colore lillà? Ripensando ai confetti lillà come uno dei principali simboli del movimento gay, non sarà che questo zio paraplegico fosse appunto un omosessuale? così si capirebbe meglio anche il significato dell’altra canzone “In soffitta” che molti critici trovano ermetica e che invece con tale interpretazione conferirebbe agli accusatori un ruolo ben preciso come responsabili dell’impiccagione (alla fine degli anni ’70 l’opinione pubblica nei riguardi dell’omosessualità non era certo aperta come oggi).

  7. Avatar Franco Giordani
    Franco Giordani

    Per me questa canzone è un capolavoro, una delle più belle canzoni scritte dai cantautori italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Soproxi Onlus

© 2024 Soproxi. All Rights Reserved. P.I. e C.F. 92254200287 | privacy – cookies